vivere sopra

fine-del-mondo

E se poi l’imprevedibile succede finisce il senso di ciò che siamo.

Tutto si mescola, la luce e il buio, oggi e domani, bene e male, amore e odio

nell’immobilità dell’occhio del ciclone.

È l’indifferenza l’ancora di salvezza? La morte ha tutte le risposte?

Che fai?, ti fermi e non corri più?, perché è la pace tutto ciò che vuoi.

Ti basta il sonno che ti fa dormire e un po’ di fame che rende buono il pasto.

Viviamo accanto a solitudini, ciechi ai bisogni altrui.

Quando il dolore divora ogni emozione e pensi solo a quel che non è stato,

a l’attimo imprevisto che non ti ha perdonato e non si torna indietro se non eri preparato,

non c’è un “riprova dai!, sarai più fortunato” perché la morte va sul binario di sola andata.

Chi sopravvive alla violenza altrui è vincitore e vinto perché il cuore batte, ma sa di sangue,

di ferro e lacrime il giorno dopo ogni mattanza e non importa che tu sia stato lì,

e non importa chi ci sia stato, ci fosse o non ci si sia più,

era qualcuno, che come te, voleva continuare a esserci ancora un giorno in più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...