Il ponte tibetano

 

Ci sono idee che non si manifestano.

Girano, girano e non si lascian prendere.

Ci son pensieri che ti coinvolgono, ma

stenti a farne un suono comprensibile.

E tu stai lì, a passeggiar sul ponte tibetano,

le corde tese tra frammenti di ricordi.

Il vuoto attorno assorbe ogni rumore e

il sibilo del vento solletica il tuo cuore.

L’euforia che scorre a fior di pelle

annulla il tempo che è passato

e come un bimbo segue il palloncino che è volato

tu stringi gli occhi per catturare il senso,

la conclusione, di tutto quel che hai fatto.

Tornare indietro non è consentito,

il tuo sentiero si è ormai accorciato,

ma c’è quel ponte, il ponte tibetano,

che unisce le oasi felici che ti hanno ristorato.

M.B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...